Siglatura a prova di drink

Nel settore food & beverage è fondamentale che i sistemi elettrici, elettronici e meccanici inseriti negli impianti di lavorazione siano in grado di garantire non solo la massima igiene, ma anche una buona resistenza agli agenti potenzialmente dannosi contenuti nelle sostanze alimentari. Per questa ragione, Acmi Spa ha scelto di utilizzare Bluemark di Phoenix Contact per la siglatura degli elementi elettrici destinati ai sistemi di fine linea di Coca Cola Enterprise.

Imbottigliamento made in Italy

Acmi Spa viene fondata da quattro soci nel 1984, con l’obiettivo di costruire sistemi di palettizzazione per l’industria alimentare e delle bevande. Da allora, la rapida e costante crescita del mercato e le buone scelte manageriali hanno permesso all’azienda di affermarsi a livello internazionale e di raggiungere una considerazione tale da potersi confrontare ben presto con i principali costruttori europei.

Nel 2000 l’azienda ha trovato la sua collocazione definitiva a Fornovo, in provincia di Parma, dove sono state costituite anche altre tre unità produttive indipendenti, raggiungendo una dimensione ragguardevole se paragonata alla media delle imprese italiane. Nel frattempo, anche la rete commerciale ha subito un notevole sviluppo, attraverso la creazione di filiali commerciali con assistenza tecnica in Messico, Inghilterra e Stati Uniti.

Come risultato di tutto ciò, oggi Acmi è riconosciuta dalle più importanti multinazionali del settore food & beverage come un’azienda altamente dinamica e innovativa, in grado di gestire in qualità di main contractor la progettazione, la costruzione, l’installazione ed il collaudo di linee complete d’imbottigliamento e di confezionamento.

A riprova di questo, Coca Cola Enterprise - la divisione Europa di The Coca Cola Company, attiva in Gran Bretagna, Francia, Benelux, Norvegia e Svezia - ha dato incarico a Acmi di provvedere alla realizzazione dei sistemi di fine linea da destinare ai suoi impianti nei Paesi di riferimento.

Un cocktail gravoso

L’inserimento in una linea di produzione di bevande come le cole, comporta, tuttavia, il rischio che i componenti possano venire in contatto con agenti chimici e non (oli, zuccheri, acqua, polvere, ecc.) o possano essere sottoposti all’azione degradante dovuta ad agenti meccanici (sfregamenti, attriti, ecc.) in grado di danneggiarli e rendere poco chiara la marcatura.

Per questa realizzazione in particolare, Coca Cola Enterprise ha quindi richiesto a capitolato che la siglatura dei cavi elettrici di esterno quadro elettrico e della componentistica per i quadri elettrici (relè ausiliari e con contatti guidati, moduli bus di campo, moduli bluetooth) venisse realizzata mediante targhette incise al laser, in grado di garantire una lunga durata nel tempo anche in ambienti gravosi.

Questa soluzione, caratterizzata dall’essere indelebile e particolarmente resistente, si è tuttavia dimostrata anche di complessa realizzazione, in quanto tale tecnologia è generalmente piuttosto onerosa e non facilmente reperibile sul mercato, poiché resa disponibile solo da pochi i fornitori.

Il sistema di siglatura Bluemark di Phoenix Contact ha rappresentato la soluzione ottimale alle esigenze di Acmi, sia per la dimensione e visibilità internazionale dell’azienda fornitrice che per il tipo di soluzione proposta.

Plastica liquida con un occhio al green

Coca Cola Enterprise si è infatti dimostrata un cliente accorto ed esigente, analizzando in modo approfondito le soluzioni disponibili, scartandone diverse già nella fase preliminare e sottoponendo le restanti ad attenti test di tenuta agli acidi e ai solventi chimici realizzati tramite cicli di lavaggio ripetuti. Anche durante questi test eseguiti dall’utilizzatore finale, la soluzione Phoenix Contact ha dato ottimi risultati per quello che riguarda l’attacco da agenti chimici.

Benchè la stampante funzioni esattamente come quelle a getto d’inchiostro, infatti, l’impiego di una plastica liquida che viene polimerizzata mediante uno speciale gruppo LED agli UV anziché l’impiego di tradizionali inchiostri permette di realizzare marcature altamente resistenti a sfregamento e a graffi. Un simile processo di stampa è inoltre caratterizzato da un minor impatto ambientale rispetto a quelli tradizionali in quanto utilizza la tecnologia UV ecologica e priva di solventi e permette di produrre fino a 10.000 cartellini/ora, immediatamente utilizzabili grazie alla siglatura a freddo.

Acmi ha quindi adottato per i suoi impianti il sistema di siglatura Bluemark con tecnologia LED e relative schede di siglatura UniCard, che permettono di gestire targhette per morsetti, conduttori e apparecchiature in un solo formato schede. Contraddistinte da una buona capacità di isolamento, da un buon grado di auto estinguenza e dalla totale assenza di silicone e alogenati al loro interno, le schede UniCard garantiscono inoltre il posizionamento perfetto della stampa, grazie alla speciale forma del materiale di siglatura.

La soluzione così realizzata ha dato ottimi risultati per quello che riguarda l’attacco da agenti chimici, permettendo inoltre a Acmi di rispondere alle richieste di Coca Cola Enterprise.

Contatti

PHOENIX CONTACT S.p.A.
Via Bellini, 39/41
20095 Cusano Milanino (MI)

Tel: +39 02 660591
Fax: +39 02 66059500
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Supporto Tecnico Gratuito